Scuola libera G. K. Chesterton | Intervista all’autrice di “Forasteria”
È una scuola libera, ossia né statale né paritaria. In quanto scuola paterna o parentale, la Scuola “G.K. Chesterton” è legittimata, a livello legislativo
scuola parentale, scuola, gilbert keith chesterton, educazione
1623
post-template-default,single,single-post,postid-1623,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Intervista all’autrice di “Forasteria”

20171012_102248“Siamo i primi ragazzi a cui fa visita di persona?” Questa, una delle tante domande rivolte durante l’intervista dai ragazzi della classe terza a Giulia Ciriaci, autrice del libro letto nelle vacanze..

Ha concluso con un sorriso Giulia Ciriaci.

L’intervista molto ricca e articolata si è snodata per due ore che sono volate via come il vento, con l’unica pausa dell’intervallo annunziato dal suono del campanaccio , che ha piacevolmente sorpreso l’autrice.

Si sono toccati un po’ tutti i temi: da quelli personali, a quelli inerenti la stesura del libro, a quelli strettamente legati alla vicenda narrata, e alle domande predisposte si sono aggiunte quelle, peraltro molto acute, sorte dalla conversazione.

Forasteria, così è intitolato il libro, è il nome della protagonista, ereditato per leggi di casato, nome dal suono ingombrante ma che cela in realtà un bellissimo messaggio “prevedo sarà una stella”. E’ infatti proprio il tema della vita, attesa come un prodigio, a intrecciare delicatamente due storie, ricche, intense e per certi aspetti drammatiche, svoltesi in epoche diverse nella nostra vicina Acquaviva Picena.

Nonostante il sole caldo i ragazzi sono stati di una partecipazione unica e hanno doverosamente appuntato le risposte nei loro quadernoni per poi rielaborarle in una relazione,

E non è finito qui il rapporto con Forasteria, perché a breve la classe con la sua prof. e l’autrice si rincontreranno proprio in Acquaviva per un interessante percorso nei luoghi delle vicende oltre che per gustare le bellezze storiche e architettoniche di questo nostro gioiello dell’entroterra.

Chiara Grazioli (Insegnante di Italiano)

 

20171012_100931