Scuola libera G. K. Chesterton | Gli alunni della Scuola Chesterton sui passi del nostro patrono
Nonostante la tanta diversità, quando noi studenti ci siamo avvicinati ai luoghi che Chesterton descrive nei suoi libri e dove egli è vissuto realmente, ci sembrava di essere già tornati a casa.
Scuola chesterton, scuola media, Scuola parentale, san benedetto del tronto, scuola, home schooling
68605
post-template-default,single,single-post,postid-68605,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-13.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Londra: alla scoperta di Chesterton

Ogni volta che mi è capitato di pensare alla città di Londra, mi sono immaginata un posto tanto distante dalla cultura e dal calore italiano, in particolare da quello che contraddistingue la scuola Chesterton. Questa aspettativa si è confermata quando ho avuto Londra davanti ai miei occhi, nelle forme e nei colori delle strade e nei volti delle persone. Tutto corre più veloce, dalle macchine alla gente per le strade.
In ogni angolo della città si vedono persone che seguono la moda del momento. La pubblicità è ovunque. Tante culture e tante ideologie si incontrano nella grande capitale. Nonostante la tanta diversità, quando noi studenti ci siamo avvicinati ai luoghi che Chesterton descrive nei suoi libri e dove egli è vissuto realmente, ci sembrava di essere già tornati a casa. Un clima familiare ci ha abbracciato quando ci sono stati letti passi dei libri di Chesterton per le vie dove lui camminava e dove immaginava storie fantastiche, proprio alla nostra stessa età. Come quando Marco Sermarini ci ha letto della Torre dell’acqua e noi ci trovavamo proprio lì, in quel luogo dove lui la osservava con i suoi occhi.
C’è qualcosa che ci fa sentire a casa in tutte le parti del mondo, che va oltre lo spazio ed il tempo.
Chiara Urriani (IV Liceo delle Scienze Umane)