Scuola libera G. K. Chesterton | Non vedo l’ora di rifare un’altra recita!
È una scuola libera, ossia né statale né paritaria. In quanto scuola paterna o parentale, la Scuola “G.K. Chesterton” è legittimata, a livello legislativo
scuola parentale, scuola, gilbert keith chesterton, educazione
68621
post-template-default,single,single-post,postid-68621,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-13.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Non vedo l’ora di rifare un’altra recita!

Il corso di teatro è parte del programma curricolare della scuola Chesterton ed è rivolto a tutti gli studenti: a chi è già appassionato del palco, a chi è terrorizzato al solo pensiero di apparire in pubblico!

Attraverso questo percorso i ragazzi imparano a superare la loro timidezza, ad affrontare le loro ansie e a collaborare tra di loro per la buona riuscita dello spettacolo! Sono lezioni che riteniamo importanti non solo per la riuscita dell’esibizione ma per affrontare la vita quotidiana.

Venerdì sera si è tenuta la prima dello spettacolo delle classi medie: I vestiti nuovi dell’imperatore, basato sul testo della favola di Andersen (andate a leggere gli articoli precedenti!).

Una grande affluenza di parenti e amici a supportare gli studenti! Abbiamo goduto tutti insieme di uno spettacolo esilarante e colorato che però ha invitato con delicatezza e intelligenza a riflettere sul tema della vanità, dell’opportunismo e della forza verità! Un grande successo! I costumi, le canzoni, la bravura dei nostri ragazzi ci hanno regalato una serata bellissima!

Di seguito, una breve testimonianza di uno dei nostri più timidi alunni.

Venerdì 11 maggio abbiamo recitato al teatro di Grottammare. La recita è stata molto divertente. Mi è piaciuto udire come il pubblico esclamava all’entrata di nuovi personaggi. Io interpretavo il primo ministro! Devo ammettere che ero un po’ ansioso, però ho cercato di rilassarmi e di recitare bene.

I miei costumi di scena sembravano abiti del Settecento, erano bellissimi, come quelli dell’imperatore. Oltre a recitare abbiamo anche cantato brani spiritosi che rimangono in testa! Non vedo l’ora di rifare un’altra recita!”                                                                                           

Cristian De Angelis (seconda media)